(parentesi 1): Treni, martelli e fornelli

Progettare un “gioco” significa SOLITAMENTE ideare un sacco di costrizioni e  imporle ai giocatori. Certi giochi sono proprio una dittatura: “avanzare lungo le caselle!”, “seguire il senso di marcia…!”, “no, no quello non puoi farlo!”. Non sono contrario alle regole, purchè esse non prevarichino la libertà di azione dei giocatori. E’ un equilibrio difficile ma realizzabile.

Nei giocattoli  invece troviamo  i “meccanismi di limitazione”, dispositivi che permettono azioni e combinazioni ripetitive e sembre uguali: per esempio ruotare un solo braccio della bambola o premere un pulsante per sentire lo stesso suono. La verità è che i giocattoli di oggi  sono  dei veri e propri “gadgets” – oggetti pubblicitari – tratti da serie televisive di successo…

Propongo di acquistare un gioco da tavola, buttare le istruzioni, e abbandonarsi alla libertà d’inventiva!

Una risposta a “(parentesi 1): Treni, martelli e fornelli

  1. Pingback: Un salto indietro, un salto avanti! | Immaginare Contesti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...